Furti in azienda da parte dei dipendenti

Con il termine “perdita sconosciuta” ci si riferisce alla differenza tra le scorte teoriche di magazzino e le scorte effettive di un’azienda. In altre parole, le perdite individuate a magazzino a seguito di furti interni da parte di dipendenti , lavoratori e collaboratori dell’azienda. Si stima che queste perdite ammontino a un totale di 275 milioni di euro all’anno .

Secondo la normativa vigente, quando un lavoratore con intenzioni furtive si appropria di beni personali altrui, è sanzionabile mediante il licenziamento disciplinare per furto.

Si ritiene che il lavoratore abbia commesso intenzionalmente un reato grave sul luogo di lavoro, il quale ha di conseguenza un impatto negativo sull’azienda. Si aggiunga che il dipendente che pone in essere tali condotte rischia non solo il giusto licenziamento, ma anche il reato di furto, appropriazione indebita o ricettazione.

Il problema dei furti interni all’azienda

Secondo il rapporto “Retail Security in Europe“, le perdite economiche in Italia degli esercizi commerciali nel 2021 sono state di 4.500 milioni di euro. A livello globale, il nostro paese è al 4° posto tra quelli che soffrono di più per le perdite sconosciute. In particolare, le attività che subiscono maggiormente questo tipo di furti in Italia sono i grandi magazzini. L’origine di queste perdite risiede per l’11,25% in frodi interne o comunque furti da parte dei dipendenti.

Come indagare su furti o furti interni da parte dei dipendenti dell’azienda?

L’ ingaggio di esperti in investigazioni private da parte delle aziende è uno dei metodi più efficaci per indagare su furti o frodi interne. Per indagare su possibili furti sul luogo di lavoro da parte di dipendenti infedeli, è necessario disporre di un buon inventario dei prodotti disponibili per poter calcolare le perdite.

Allo stesso modo, è importante avere un adeguato sistema di telecamere, senza superare i limiti previsti dalla legge, anche con telecamere nascoste .

Pertanto, l’ingaggio di investigatori privati ​​da parte del datore di lavoro per svolgere attività di sorveglianza e controllo sui propri lavoratori è riconosciuta dalla legge.

La mia caldaia fa rumore: come ripararla?

Se ti chiedi perché la tua caldaia faccia rumore, qui trovi le risposte. Ci sono diversi motivi per cui una caldaia fa rumore, e qui li vedremo punto per punto.

bravi tecnici delle caldaie spesso sanno che tipo di problema ha una caldaia interpretando il rumore che fa. In questo articolo includiamo ti spieghiamo quali potrebbero essere le cause del rumore emesso da una caldaia e le possibili soluzioni, oltre a cosa fare quando la caldaia fa un forte rumore.

Perché la mia caldaia fa rumore?

Qualsiasi caldaia di ogni marca può produrre vari tipi di rumore. Alcuni di questi fanno parte del normale funzionamento e poco a poco imparerai a riconoscerli, tuttavia le caldaie moderne sono spesso progettate per funzionare con poco o nessun rumore.

Ciò significa che la maggior parte dei rumori emessi dalla caldaia sono il risultato di malfunzionamenti o guasti. Analizziamo adesso il tutto in dettaglio.

Perché la caldaia fa rumore?

Quando il malfunzionamento è dovuto al bruciatore sporco, la caldaia può emettere rumori simili a piccole esplosioni, e talvolta possono anche far spaventare.

Questo problema si risolve pulendo il bruciatore e facendo la giusta manutenzione. Potrebbe anche essere necessario calibrare la combustione, in modo che non ci sia aria in eccesso.

Chiaramente non si tratta di una operazione da fare in autonomia ma va chiamate un tecnico esperto nell’installazione caldaie.

Cos’è lo scambiatore della caldaia?

Uno dei motivi per cui una caldaia può fare rumore è dovuto a sporcizia, malfunzionamenti o guasti agli scambiatori.

A volte l’acqua calda genera schiuma o residui minerali che sporcano o danneggiano gli scambiatori. Il calcare può anch’esso depositarsi nella caldaia, specialmente nelle regioni con acqua particolarmente dura.

Il rumore prodotto da scambiatori sporchi o danneggiati può essere simile ai classici segnali acustici. La soluzione è pulire gli scambiatori o sostituirli con altri nuovi.

Perché il radiatore fa rumore?

Un altro motivo per il quale riscontriamo rumore nella caldaia sono i radiatori. I radiatori suonano per due motivi e ognuno richiede una soluzione diversa:

1. Il radiatore emette un suono quando c’è aria nel circuito

Quando l’aria entra nel circuito delle tubazioni, sia l’impianto che i radiatori tendono ad emettere rumori, a volte rumori molto strani, spesso un gorgoglio d’acqua.

Ciò si verifica solo nell’impianto di riscaldamento, che è sigillato ermeticamente. L’impianto di acqua calda sanitaria è aperto, quindi non genera problemi di questo tipo. Anche l’accumulo di aria non si verificherà se si considera l’installazione di valvole di sfiato automatiche sui radiatori e sulla caldaia.

Ad ogni modo, quando l’impianto di riscaldamento ei radiatori fanno rumore d’acqua la soluzione è spurgare sia la caldaia che il radiatore che emette rumore; anche se forse la cosa migliore sarebbe spurgare direttamente tutti i radiatori presenti in casa.

Per lo spurgo è necessario attendere che la caldaia e l’impianto siano freddi (in quanto separano l’aria dall’acqua). Bisogna poi iniziare lo spurgo dal radiatore più vicino alla caldaia fino a raggiungere quello più lontano. Se la casa ha più di un piano, inizia dall’ultimo piano e poi prosegui verso il basso.

2. Il radiatore suona quando ci sono depositi d’acqua

Un’altra risposta alla domanda sul perché il radiatore faccia rumore è che potrebbe contenere depositi d’acqua. Tutte le apparecchiature che funzionano con acqua calda tendono ad accumulare sedimenti e minerali che l’acqua porta o genera (principalmente magnesio e calcio).

In questi casi, la soluzione è smontare il radiatore e pulirlo, utilizzando il semplice metodo dell’inserire un tubo dell’acqua in pressione nel suo ingresso (maggiore è la pressione dell’acqua, più efficace sarà la pulizia).

Noterai che il sedimento viene espulso dall’uscita del radiatore. Se i sedimenti e i minerali non escono con la pressione dell’acqua, è segno che si sono incastrati all’interno del radiatore.

Quindi sarà necessario prima ammorbidire i sedimenti. Puoi riuscirci inserendo abbondante aceto bianco nel radiatore e lasciandolo riposare per alcune ore. Dopodiché, provando a ripetere l’operazione vedrai uscire i residui minerali.

Parapetti e balaustre a norma UNI EN 13200-3

Sapevi che parapetti e balaustre sono spesso causa di infortuni o incidenti di gioco? All’interno di palazzetti dello sport infatti, così come stadi, impianti sportivi di ogni tipo e palestre, la presenza di questi elementi di protezione è chiaramente indispensabile dato che il loro scopo è quello di evitare agli spettatori di cadere in avanti, e fungere al tempo stesso da barriera per evitare che pubblico e giocatori possano entrare in contatto.

Capita però che parapetti e balaustre siano troppo vicine all’area di gioco. Per questo delle volte gli atleti, nella foga dell’azione che stanno svolgendo, possono non accorgersi della loro presenza o vicinanza e sbatterci contro.

Questa è chiaramente una eventualità da evitare nell’interesse di tutti, principalmente per la salute e l’incolumità dei giocatori. A tal proposito è importante sottolineare la necessità di riuscire a mettere in sicurezza tali strutture e rendere così innocuo qualsiasi tipo di impatto fortuito.

Le recinzioni divisorie con gomma antitrauma

In questo caso, la soluzione migliore è quella di adottare una nuova recinzione divisoria con rivestimento in morbida gomma antitrauma come quella che puoi vedere sul sito di Safe Sport Italia.

Si tratta di un prodotto certificato a norma UNI EN 13200-3, la quale Individua tutti quei requisiti tecnici di progettazione che devono essere propri di quegli elementi che separano pubblico e campo da gioco laddove vi sia un intrattenimento incluso quello relativo agli impianti sportivi e ai Palazzetti dello Sport.

La gomma antitrauma che riveste la struttura metallica è certificata UNI EN 913, la quale Individua i parametri di sicurezza e i metodi di prova per quel che riguarda l’attrezzatura da ginnastica.

Questa è un’ulteriore garanzia per atleti, gestori di impianti sportivi e pubblico. Grazie a prodotti di questo tipo, altamente performanti e dall’efficacia comprovata, tutti potranno usufruire degli spazi in maggiore sicurezza.

Gli atleti in particolar modo, sanno già che anche in caso di urto accidentale non potrà accadere nulla di spiacevole e la morbida gomma antitrauma andrà ad assorbire efficacemente l’impatto, così da renderlo innocuo.

Questa soluzione può essere adottata sia per quel che riguarda impianti indoor che per impianti outdoor. Inviaci foto e misure dettagliate dei potenziali pericoli presenti nella tua struttura sportiva! Chiama il numero verde gratuito 800.960.801 o clicca qui e compila il form di richiesta informazioni: https://protex.design/contatto/

Il gioco del bingo

Il bingo ha conosciuto una vera e propria esplosione nel nostro paese nei primi anni 2000. È proprio a partire da quel momento infatti che tantissime sale bingo hanno aperto i battenti nelle città italiane.

Tantissimi utenti sono diventati a tutti gli effetti dei clienti abituali, grazie anche alla facilità con la quale è possibile giocare al bingo e l’immediatezza delle sue regole.

Tra l’altro le vincite sono immediate ed è possibile riscuotere subito il proprio premio. Probabilmente sono proprio queste le cose che si celano dietro il successo di questo bellissimo gioco.

Anche in conseguenza della pandemia però, molte persone hanno smesso negli ultimi anni di recarsi fisicamente presso le sale bingo e hanno iniziato a preferire invece il gioco del bingo online.

Le regole del bingo online sono esattamente le stesse e nulla cambia, se non che il gioco avviene direttamente online e non è necessario recarsi presso una sala bingo.

Tra l’altro in questo caso la comodità è quella del poter giocare comodamente dal pc di casa e non avere neanche necessità di segnare manualmente i numeri che il banco chiama, perché è direttamente il sistema elettronico a fare questo per l’utente.

Anche il riscontro di una eventuale vincita è automatico e avviene direttamente per input diretto del sistema, così che è impossibile che il cliente non riesco ad accorgersi del fatto di aver effettuato una vincita.

Grande comodità dunque, per un gioco che è veramente divertente e che coinvolge tantissime persone in maniera universale.

Sanno infatti giocare a bingo tutti, sia uomini che donne, sia adulti che ragazzi. Per questo motivo sono sempre più le persone che si interessano e che vedono bene la possibilità di riuscire a giocare semplicemente connettendosi ad internet e facendo accesso sul sito di 22bet tramite le proprie credenziali.

Igiene nei saloni da parrucchiere

L’igiene nei saloni da parrucchiere è da sempre un aspetto molto importante per mostrare un’immagine aziendale fresca e pulita dell’attività. Oggi è un requisito indispensabile, soprattutto durante questa crisi sanitaria se vogliamo che la nostra clientela sia soddisfatta.

I saloni da parrucchiere sono da sempre inseriti negli esercizi di servizio pubblico più vulnerabili al contagio, data la loro vicinanza al cliente. Ogni giorno convivono con i professionisti del settore un numero significativo di virus, batteri, funghi e parassiti.

Gli stilisti devono toccare, coccolare, parlare, avvicinare e assistere il cliente durante tutto il tempo che trascorrono in salone durante il servizio, il che li rende una categoria molto esposta.

L’immagine della pulizia è essenziale in un salone di bellezza. Essa trasmette la personalità del salone, i suoi titolari, i dipendenti ed il marchio commerciale che vogliono rappresentare. Questa operazione di pulizia spesso non è facile da mantenere perché i prodotti per parrucchieri sono altamente residuali. I prodotti chimici, ad esempio, tanto utilizzati in questo settore, si depositano su tutte le superfici piane del locale.

Per rimuoverli non è necessario utilizzare lo scopino perché non ti servirà a niente, avrai invece bisogno di qualcosa di più adatto come un prodotto per la pulizia a base di ammoniaca. A volte, se la macchia è molto resistente, si indurisce così fortemente che dovrà essere pre-trattata sulla superficie prima di essere pulita.

Dunque è chiaro che l’igiene è molto importante in un salone da parrucchiere, ma non si tratta più solo di pulire con un prodotto convenzionale per la pulizia, ma ora bisogna andare oltre, adesso bisogna disinfettare , utilizzare lo sterilizzatore, utilizzare i monouso, prendere appuntamento per non sovraffollare i saloni e affinché la sala d’attesa non sia sovraffollata di clienti, etc. Ciò riguarda chiaramente tutte le superfici inclusi gli arredi e le varie forniture per parrucchieri.

In questo modo, garantiamo che il servizio in salone non solo renda felice il cliente con una immagine più pulita, ma anche che torni a casa in sicurezza.

Perdita d’acqua in casa? Qui la soluzione

Agire rapidamente quando c’è una perdita d’acqua in casa può essere decisivo per evitare problemi più grandi. Quando il sistema di tubazioni è vecchio di qualche anno, è molto probabile che inizino a formarsi delle piccole crepe o ci siano problemi di fuoriuscita d’acqua tra i raccordi, a causa dell’indebolimento delle guarnizioni.

A volte può essere difficile rilevare l’area interessata, perché si trova in tubi non visibili direttamente e possono essere necessari anche diversi giorni prima di accorgersene. Un modo comune per scovare questo problema è quando c’è un aumento ingiustificato della bolletta dell’acqua, ed in quel caso è necessario controllare i tubi.

D’altra parte, una perdita d’acqua può essere individuata anche nei tubi che sono a vista, uno dei più comuni è sotto il lavandino.

In entrambi i casi, una volta riscontrato il problema, è necessario agire rapidamente o contattare un servizio di pronto intervento 24 per evitare ulteriori sprechi e conseguenze come umidità o perdite. Una piccola goccia che potrebbe sembrare insignificante può rapidamente trasformarsi in un problema più grande.

Cosa fare in caso di perdita d’acqua in casa?

Individua dove si trova il problema. Cerca crepe o fessure. A volte è difficile trovare una perdita ad occhio nudo. Per rendere più facile, passa sui tubi della carta igienica per sentire quando c’è presenza d’acqua.

Chiudere i rubinetti dell’acqua per evitare ulteriori perdite.

Pulisci il resto dei tubi. Una volta chiusi i rubinetti, i tubi hanno ancora acqua al loro interno, quindi è necessario aprire i rubinetti e far uscire l’acqua intrappolata in essi. Metti un secchio o un contenitore per raccogliere quest’acqua in modo da poterla utilizzare in seguito.

Chiedi aiuto a un professionista che abbia gli strumenti necessari per stringere le chiavi o cambiare le parti usurate. Queste soluzioni sono solitamente temporanee, perché sarà solo questione di tempo prima che si verifichi un’altra perdita d’acqua, soprattutto quando le tubazioni sono già vecchie o di scarsa qualità.

Se hai bisogno di una soluzione rapida, puoi usare del nastro adesivo marrone chiaro per sigillare la crepa. Tuttavia, devi tenere conto del fatto che questo risolve il problema solo per un po’.

Le moderne tastiere a membrana

Oggi sono numerosi gli utenti che preferiscono passare alle moderne tastiere a membrana per il proprio PC. Se non le conosci ancora, le tastiere a membrana sono dei dispositivi altamente efficaci ed in grado di garantire un’esperienza di lavoro perfetta.

Esse sono caratterizzate dal fatto di essere realizzate con più strati di materiale, che vengono saldati tra loro e che consentono in questa maniera di avere un unico blocco assolutamente solido e resistente, ma soprattutto inattaccabile.

Nelle tastiere a membrana infatti, non c’è spazio tra un tasto e l’altro: questo di fatto impedisce alla polvere di potersi insinuare tra i tasti e dunque andare a creare dello sporco che a lungo andare può influire negativamente sul funzionamento della tastiera.

Al contrario, né la polvere né lo sporco possono entrare all’interno della tastiera, e questo è un vantaggio veramente non indifferente perché garantisce grande durata nel tempo.

Quello che solitamente succede infatti, è che a causa dello sporco o di eventuale acqua caduta accidentalmente sulla tastiera, il dispositivo smetta di funzionare o cominci a presentare dei malfunzionamenti.

Ecco dunque i motivi per i quali tantissimi utenti hanno deciso di passare alle tastiere a membrana sia per il computer di casa che eventualmente quello sul luogo di lavoro.

La pressione dei tasti viene registrata già al minimo sfioramento e questo è un ulteriore vantaggio per chi le utilizza. Proprio quello della sensibilità è infatti un fattore che sta particolarmente caro a quanti lavorano diverse ore al giorno con le tastiere, ed i moderni modelli di tastiere a membrana sono ideali anche per risolvere questo tipo di esigenza.